3

Tramite studio legale

Se il cliente persevera nel ritardo, conviene passare ai fatti.
Per i Soci è attivo un servizio di sollecito dei crediti, tramite studio legale convenzionato, gratuito per il Socio.

Sarà il tuo debitore - e non tu - a pagare il costo della sua disattenzione e della sua scarsa considerazione del lavoro altrui.

Leggi CON CALMA il dettaglio del servizio e, se ti riconosci nella casistica, chiedi l'intervento dello studio legale convenzionato compilando il form apposito.


modalità di intervento

Tutti i soci TAU Visual possono chiedere l'intervento di uno studio legale convenzionato per il sollecito dei loro crediti. L'intervento stragiudiziale avviene a costo zero per il socio.
Per poter utilizzare il servizio occorre:
a) Che il socio abbia tessera in corso di validita'.
b) Che il lavoro ed il credito di cui chiede il sollecito non sia stato contestato dal cliente ma, semplicemente, il cliente "faccia lo gnorri" nel effettuare il pagamento.
c) Che sia gia' stato sollecitato per iscritto, con raccomandata, senza successo.
d) Che il cliente sia reperibile, e se ne conosca il recapito. E' enormemente preferibile che - prima di chiedere l'intervento - tu abbia fatto una visura camerale della ditta.
e) Che il credito sia di importi superiori a 350 euro.

NEL DETTAGLIO

Il servizio e' in accordo con uno studio legale di Milano, e cura il sollecito dei crediti per tutti i Soci, su tutto il territorio italiano.

Tieni conto che questo servizio e' in regime convenzionato (totalmente gratuito, leggi il dettaglio piu' avanti) SOLO per i casi in cui si tratti di sollecitare dei crediti che non siano stati contestati. Se esiste un contenzioso o una contestazione, l'eventuale intervento dello studio legale va pattuito, anche per quanto concerne la parcella, con lo studio legale stesso. Questo significa che se le normali procedure di sollecito, oggetto della convenzione, non ottengono risultato, il rapporto fra te e lo studio legale diventa un normale rapporto professionale, e dovrai concordare con loro se eventualmente procedere e, se si, a quali costi. Solitamente, e' rischioso procedere, in tal modo, a recuperi di importi minimi.
NON possono essere prese in considerazione richieste di solleciti per crediti inferiori a 350 euro.

Questa la casistica possibile nell'intervenire sul sollecito dei tuoi crediti:

1) Se il cliente sa di avere torto e paga, sia capitale ed interessi, che le spese legali: l'operazione di sollecito non ti costa assolutamente nulla. Il compenso per lo studio legale, infatti, viene fatto gravare completamente sul debitore in mora.
2) Se il cliente sa di avere torto, paga il capitale ma si rifiuta di pagare le spese legali. Anche in questo caso non dovrai nulla allo studio, che si riserva la facolta' di imporre per vie legali al tuo cliente moroso il pagamento della parcella. Stessa cosa se il cliente non paga gli interessi: se si tratta di un importo degno di considerazione, lo studio si riserva la facolta' di obbligare legalmente il tuo debitore al pagamento. Anche in questo caso non occorre che tu faccia nulla, ne' ti verra' chiesto alcun pagamento.
3) Se il cliente non paga (perche' versa in condizioni disperate, o e' in malafede); lo studio legale ti contatta segnalandoti tempi e costi per un'eventuale azione. Tu a questo punto sei libero di decidere di lasciare tutto (e non ti e' costato nulla, perche' non devi nulla allo studio legale) oppure di avviare il decreto ingiuntivo o altra pratica che concorderete assieme (concordando anche fondo spese e parcella). In quest'ultimo caso, il rapporto fra voi e lo studio legale NON e' in convenzione.

COME UTILIZZARE IL SERVIZIO DI SOLLECITO CREDITI

Come hai avuto modo di capire, il sistema e' ideato per rendere l'operazione semplice ed assolutamente il meno onerosa e rischiosa possibile per te, mantenendo al contempo una buona percentuale di successo.

Dobbiamo pero' chiederti di rendere possibile tale efficienza facendo la tua parte:

a) Prima di rivolgerti al servizio di recupero crediti riservato ai Soci, devi avere inviato al tuo "Cliente" che non paga una raccomandata o un'email PEC, indirizzata al responsabile.

b) Se la tua prima lettera non avesse sortito effetto alla data esplicitamente indicata da te, allora - e solo allora - chiedi il nostro intervento. Controlla di avere tutta la documentazione ed i dati necessari, e trasmettili alla Sede dell'Associazione compilando il form apposito che trovi qui (MODULO INTERVENTO). Noi verificheremo la completezza dei dati e passeremo la pratica allo studio legale incaricato.

c) L'intervento da parte dello studio legale convenzionato potra' essere posto in atto SOLO se sei in possesso di tutta la corretta documentazione, e se la tua posizione di socio non e' in scadenza a breve (non meno di un mese) e... se tu stesso non sei moroso nei confronti dei tuoi impegni... hi hi...

d) Ti chiediamo di servirti del servizio solo quando ha un senso farlo: non chiedere l'intervento dello studio quando sai gia' per certo che il cliente e' divenuto irreperibile, o quando non esiste alcun titolo per cui puoi vantare il tuo credito, o quando ti sei accordato per un pagamento "cash" o - in breve - in tutti i casi nei quali non hai i requisiti per ricorrere alla Giustizia ordinaria.

e) Controlla che la ditta sia ancora in esistenza tramite il sito www.infoimprese.it.
Meglio ancora, richiedi preventivamente una visura camerale - costa pochi euro - tramite il sito: http://www.registroimprese.it.
Questo potrà sveltire di molto la pratica.

f) Se il tuo caso rispecchia tutti i requisiti, passa alla richiesta di intervento, compilando questo form.